Ho finalmente visto il film di Mel Gibson.
 
Non voglio riaprire discorsi sulla passione e sulla Pasqua, ma ci tengo a dire un paio di cose sulle polemiche relative al film.
 
1) Non è assolutamente verò che è inutilmente incentrato sulla violenza:
lhanno ucciso in quel modo, non cè più sangue di quanto non sia sensato.
 
2) Consiglio a chi non lha visto di andare a guardarselo. Soprattutto ai cristiani. Il film non è più valido delle scritture o delle omelie del prete, ma mette davanti ad unevidenza che altrimenti rischia di essere celata.
 
Non credo che il film faccia convertire, ma sicuramente aiuta a capire cosa è stato… quanto è stato disumano il gesto del mondo e quanto è stato (sovr)umano il gesto di Cristo.
 
3) Quando lo andate a vedere accertatevi di non avere degli imbecilli affianco a voi. Durante il film i romani flagellano Cristo e mentre lo fanno ridono, e tu ti chiedi "ma come fanno a ridere mentre fanno questo?".
 
E poi ti giri e senti gli imbecilli che ridono, e capisci che forse non è così impossibile che qualcuno rida davanti ad una simile scena, e che magari quelli alla tua sinistra almeno ti ricordano che Il Fatto è accaduto davvero.
 
Quindi accertatevi di _avere_ degli imbecilli affianco 😉
 
Fine, non dico altro… ho già parlato della Pasqua a sufficienza su questo blog.

You may also like...

Rispondi